lunedì 2 agosto 2010

Trimprob: lo scanner anticancro che rischia di sparire

C'è chi ha annunciato che il cancro sarà sconfitto nel 2013: nell'attesa trepidante di quella data, profezie Maya permettendo, un'invenzione che va in questa direzione già c'è. Si chiama Trimprob ed è uno scanner in grado di riconoscere tutti i tipi di tumore ad uno stadio iniziale in 2 minuti e con un esame non invasivo né doloroso.

Una scoperta sensazionale che potrebbe cambiare il corso della storia della medicina (senza esagerazione!). Il suo inventore, il dott. Clarbruno Vedruccio, deve però difendere a suon di dollari il brevetto in tutti i paesi, rischiando costantemente di rimanere sul lastrico. La vicenda del Trimprob è un perfetto esempio di come la ricerca medica sia ormai una branca dell'economia e del marketing farmaceutico.

Se non ne avete mai sentito parlare di questo ricercatore che lavora per Galileo Avionica, controllata da Finmeccanica, non è colpa vostra: se ne sa poco o nulla, ancora meno se guardate solo i telegiornali (specie alcuni!) per informarvi. La notizia, infatti, sarebbe clamorosa: questa apparecchiatura diagnostica in grado di agevolare la lotta contro il cancro non è più finanziata dagli enti statali che tutelano la salute.


Le analogie con il famoso caso Di Bella non sono molte, ma tutte a livello istituzionale e politico: anche in quel caso, il governo non fece nulla per dar vita ad una sperimentazione chiara ed efficace, alimentando solo vaghe speranze e caos negli ospedali (ricordate le file per la somatostatina?). Allora il metodo contro i tumori dell'aziano professore venne osteggiato pure da esimi suoi colleghi, mentre questa volta la comunità scientifica è dalla parte di Vedruccio e del Trimprob (foto).

Tra i sostenitori vi è anche l'oncologo Umberto Veronesi e tante altre personalità della scienza e della medicina mondiale. Tuttavia, se non si troveranno i fondi, presto Vedruccio dovrà abbandonare il suo lavoro rinunciando al brevetto o vendendolo al miglior offerente: una scoperta italiana che andrà ad arricchire stati e case farmeceutiche estere!

C'è chi sostiene che gli industriali del farmaco non siano interessati a tutto ciò che è prevenzione, avendo necessità di vendere medicine e, in un certo senso, guadagnando grazie alle malattie. E' un'opinione diffusa, ma non si hanno prove. Si sa soltanto che, dal punto di vista della diffusione, il Trimprob è presente soltanto in 50 strutture ospedaliere in Italia, molte meno che negli ospedali esteri che lo hanno adottato.

Quanti soldi servono per comprare questo bodyscanner anticancro? Quasi 50.000 €. Così sembrano tanti, ma per comprare una TAC ce ne vuole un milione e mezzo, per una PET 2 milioni e per una macchina per la risonanza magnetica ben 3 milioni o più.

La Galileo Avionica del Gruppo Finmeccanica ha deciso di non produrre più il dispositivo per ragioni commerciali. E' un suo diritto e non lo discutiamo. Tuttavia il ministro dell'economia è azionista al 33% di Finmeccanica e potrebbe far valere questa posizione per il bene comune. Sempre che il bene comune interessi ancora a qualcuno...

Leggi anche L'Ignoranza Colpevole di Speradisole.

15 commenti:

  1. Vergogna,ancora una volta in Italia,lo stato invece di tutelare la ricerca e i ricercatori,cosa fa non lo finanzia perche'costa pochissimo,e le lobby industriali e politiche nonche'massoni che danno ragione ai potentissimi industriali che non vogliono il trimprob,che farebbe risparmiare allo stato milioni di euro.Spero che ci ripensino,e'un esame non invasivo che ti dice in un paio di minuti se sei affetto dal tumore alla prostata.

    RispondiElimina
  2. Tutto questo è assolutamente assurdo e tipicamente italiano purtroppo e a dirlo è una persona che in famiglia ha avuto ben 4 casi su 4 di morti a causa del cancro...
    Questo significa una mortalità del 100%...
    E poi quando c'è la possibilità di salvare la gente che fanno????
    Al solito badano esclusivamente ai loro interessi...
    Mah...
    Che tristezza...

    RispondiElimina
  3. L'articolo è scritto molto interessante. Mi piacciono le cose buone e, soprattutto, molto istruttiva.

    RispondiElimina
  4. Dobbiamo togliere loro il potere, finanziamocelo noi 'sto apparecchio al loro posto e vedrete come non sapranno fermarci, salvando così INTERE vite, con medici onesti dalla ns parte!

    RispondiElimina
  5. Assolutamente VERGOGNOSO che le ASL e il ministero della sanità non aiutino ed incoraggino l'uso del TRIMPROB, sostenendo questa invenzione italiana.

    Assolutamente VERGOGNOSO

    RispondiElimina
  6. Sarebbe bello capire quanto funziona questo strumento però...Ad oggi i risultati dell'efficacia diagnostica non sono incoraggianti.

    RispondiElimina
  7. Che cosa ne pensa l'attuale ministro della sanità?
    L'attuale Governo in nome del bene del Paese ci sta tassando tutto fra un po' anche l'aria che respiriamo.
    Se con questa metodica si risparmiano milioni di euro perchè non sfruttarla? Di chi si difendono gli interessi?

    RispondiElimina
  8. è una vera vergogna.
    questi politici sanno solo sprecare

    RispondiElimina
  9. impegniamoci sul web:come possiamo informare gli italiani su tutto quello che passa sulle nostre teste? per esempio se sommergessimo la Galileo Avionica di richieste di non abbandonare la produzione del Trimprob ? oppure se la stessa richiesta la facessimo sul sito del Ministero dell'economia, azionista al 33% di Finmeccanica di cui fa parte la Galileo Avionica?

    RispondiElimina
  10. io ho inviato a trimprob@galileoavionica.it una richiesta di proseguire sia la ricerca che la produzione del trimprob

    RispondiElimina
  11. ....sarebbe meglio un azione comune !!!!!!!!!!!! Informiamo di tutto questo Beppe Grillo che saprà dargli maggiore voce di noi e tutti insieme sosteniamo l'azienda e soprattutto l'inventore .

    RispondiElimina
  12. sono un medico di famiglia. come si fa a rinunciare a questo mezzo diagnostico? maledetti coloro che lo osteggiano a fini economici. credetemi si va di frasca in frasca per avvicinarsi ad una diagnosi precoce del ca-prostata con un'attendilita' largamente inferiore con tutti gli altri mezzi diagnostici.
    ogni medico di famiglia dovrebbe posssederlo! forza beppe

    RispondiElimina
  13. Quanto denaro ci serve ancora? Mi sembra aver letto 50.000 Euro ( 100 milioni delle vecchie lire) Ho capito bene? Se cosi fosse, potrei pagali io 50.000 Euro.
    West Palm Beach USA.

    RispondiElimina
  14. Hi, yes this article is actually fastidious and I have learned lot of things from it about blogging.

    thanks.

    my page ... World Of Tanks Hack

    RispondiElimina
  15. It's awesome in support of me to have a web page, which
    is helpful in support of my experience. thanks admin

    Also visit my web site; good site

    RispondiElimina